L’orto-giardino degli insetti utili: come farlo

Anche se la primavera e l’inizio della stagione orticola devono ancora arrivare, vorrei parlare oggi di insetti utili e di come farli arrivare, ma soprattutto restare, nel nostro orto-giardino.

Innanzitutto dobbiamo scegliere essenze, piante e fiori  che li attirino e che permettano loro di vivere in tranquillità, sicuri di non trovare, nel loro svolazzare, pesticidi di alcun tipo.

Coccinelle, api e sirfidi, sono dei veri alleati per portare avanti la battaglia biologica contro gli insetti che danneggiano le nostre piante in quanto sono insetti entomofagi, che si nutrono, cioè, di altri insetti.

coccinella_superedo

tratta da superedo

Una grande amica dell’orto e quindi degli ortisti è sicuramente la coccinella, che è una grande divoratrice di insetti; per attirarle nell’orto è bene piantare ortaggi come rafani, cavolfiori e broccoli, visto che amano l’aroma di queste piante.

Anche le erbe aromatiche e i fiori collaborano allo scopo di mantenere nell’orto le coccinelle e gli altri insetti utili, per cui il consiglio migliore che posso dare è quello di preparare un orto che abbia anche delle bordure di fiori e un’area dedicata alle aromatiche, peraltro utilissime in cucina.

ape_wesavethebees

tratta da wesavethebees

Tra le erbe aromatiche sono da avere nell’orto: l’aglio, utile contro gli afidi; il coriandolo, attrae gli insetti utili; il  timo, attira i sirfidi; la salvia, attira le api e gli insetti utili sia nella lotta ai parassiti che per l’impollinazione; l’ortica, è un potente antiparassitario naturale contro gli afidi.

sirfide_lucianabartolini

tratta da lucianabartolini

Tra i fiori segnalo: la calendula, piantata nell’orto o ai piedi delle rose che attira i sirfidi che sono ghiotti degli insetti fitofagi,  il tarassaco, molto amato dalle coccinelle, i gerani ottimi per gli insetti utili attirati dai suoi colori e profumi, il fiordaliso, amato molto sia dai sirfidi che dalle coccinelle.

Altre piante considerate utili per attirare nell’orto gli insetti benefici sono la potentilla, il finocchio, l’aneto, il tanaceto, l’angelica, pisello odoroso, facelia ed i fiori del genere Tagetes.

Prestare attenzione a questi “ piccoli particolari”  può aiutarci ad avere meno infestazioni, oltre che naturalmente cibo più sano perché evitiamo l’uso dei pesticidi, dannosi per l’uomo e per l’ambiente.

Dovremmo, però,  fare molta attenzione anche alle abitudini e al ciclo di vita e di riproduzione degli insetti nocivi, perché se nel nostro orto riuscissimo ad anticiparlo, avremmo risolto quasi il 100% dei problemi! E cosa importante quando camminiamo per il nostro orto o giardino, impariamo a soffermarci e guardare:  molti insetti dannosi potremmo riuscire a scovarli prima che si moltiplichino e che distruggano le piante.

E’ triste ricordare che la capacità distruttiva di questi insetti sarebbe in realtà in equilibrio con la sopravvivenza delle piante se l’uomo non avesse alterato questo equilibrio facendo uso smodato di pesticidi e concimi di sintesi che hanno eliminato, oltre agli insetti dannosi, anche gli insetti utili.

Quindi si capisce l’importanza di piantare essenze che li aiutino a ripopolarsi, siano esse poste in giardino o anche in vasi nelle nostre terrazze cittadine.

Per chi volesse acquistare semi di piante e fiori che attirino gli insetti utili, io consiglio quelli di Eugea (sperimentati nel mio orto-giardino); la semina e il successivo trapianto in terra o in vaso può essere un lavoro-gioco da fare anche con i bambini, che magari si prendono cura delle giovani piantine fino al momento del trapianto.

eugea_giardinio_farfalle

tratta da eugea