Le Tagete: Tagetes Patula, Tagetes Minuta, Tagetes Erecta

Conosciute anche come French Marigold o Tagetes Patula, è una specie che fa parte della famiglia delle margherite (Asteraceae).

Originarie delle Americhe e del Messico in particolare, dove è il fiore consacrato alla dea agricoltura.

IMG_6866

Tagete Orto di Claire

IMG_6792

Tagete Orto di Claire

Forse non tutti sanno che questo piccolo fiore dalle diverse tonalità di giallo e arancio o dai petali screziati da entrambi i colori è utilissimo in orto.

Quest’anno è stato il principale protagonista floreale dell’Orto di Claire e mi ha aiutato non poco a salvaguardare alcune verdure da attacchi parassitari.

image

Tagete Orto di Claire

In commercio esistono diverse varietà sia a fiore semplice che doppio. La fioritura è abbondante dalla primavera fino ad ottobre, periodo in cui si possono raccogliere i semi sui fiori seccati oppure lasciarli cadere per ritrovarli nel nostro terreno la primavera successiva. (il rischio è che possano interferire con le semine primaverili quindi attenzione a quello che dovete piantare)

E’ un fiore che non mi capita spesso di vedere quando curioso gli orti altrui; forse poverino è andato fuori moda (anche i fiori come gli animali subiscono la pressione della moda..), oppure chissà, solo i vecchi ortaioli, ben conoscendo le sue proprietà, continuano ad utilizzarlo, mentre tutti gli altri pensano che non sia né utile né bello. Questo fiorellino in realtà, non solo uccide i nematodi e gli afidi, per cui pomodori e patate ne hanno bisogno come il pane, ma mette allegria, soprattutto quando ancora l’orto non ha cominciato a donare i fiori o primi frutti e quindi, in mezzo a tante foglie verdi, spuntano i colori delle Tagete.

IMG_6787

Tagete Orto di Claire

Quest’anno anch’ io ho appassionatamente riscoperto le tagete, acquistandone almeno 20 piantine che ho pazientemente e diligentemente distribuito e piantato nel mio orto; se sistemati ad adeguata distanza creano piccoli cespugli tondeggianti colorati che crescono rapidamente.

Sarà stato per loro o per l’utilizzo delle Micorizza (ne parlerò prossimamente), o più facilmente per tutti e due conditi da una buona dose di amore e passione, che questa estate ho avuto dei pomodori fantastici e un raccolto copioso.

IMG_6692

Tagete Orto di Claire

Le sorelle Maureen e Bridget Boland nel loro Giardino delle vecchie signore, raccontano che quando erano bambine passavano le vacanze in Francia in una casetta di proprietà dei Signori Noel che coltivavano l’orto e vendevano i fiori. Lì Maureen e Bridget impararono i nomi in francese di molti fiori, scoprendo anche che quelle che loro chiamavano Indian Buttoholes erano le French Marigolds, alias il Tagete. Nel giardino di Monsieur Noel tutte le aiuole erano divise da minuscole siepi di Tagete e quando loro domandarono perchè,  Monsieur Noel rispose che fan bene a tutto!!

Nel libro scrivono che il Tagetes Minuta sia ancora più potente della specie che utilizziamo noi o del Tagetes Erecta – African Marigold, ma questa specie di Tagete io qui non l’ho ancora trovata.

Il nome comune del Tagete Minutas è  Huacatay e proviene dalla lingua quecua significa minuta in quanto si riferisce ai suoi fiori di piccole dimensioni; cresce allo stato selvatico nella regione costiera,andina e amazzonica di Argentina, Bolivia, Cile, Perù e Paraguay.

Tagetes-minuta

Tagetes Minuta foto di loghouseplants.com

Quindi la prossima estate, via libera a Tagete nell’orto o sparse in giardino a formare macchie di colore e per chi avesse un terrazzo: approvate tagete nelle ciotole di cotto. (se potete evitate la plastica).

Consigli di trapianto:

  1. Prediligono posizioni soleggiate;
  2. Amano essere annaffiati con regolarità avendo l’accortezza di non bagnare fiori e fogli e in estate, specie se fa molto caldo, aumentare la quantità d’acqua;
  3. Terreno: qualsiasi terreno ma ben drenato.
IMG_6791

Tagete Orto di Claire

In cucina:

Il tagete è delizioso se mescolato ai formaggi cremosi, ai soufflè ed alle verdure.

Et voilà Bon Appétit per chi le vorrà provare!

Annunci

I fiori commestibili

Quasi tutti i fiori sono commestibili.

Si, può sembrare strano, ma, in realtà, i fiori si abbinano perfettamente con ciò che mangiamo e contribuiscono, insieme alle spezie, a farci limitare il consumo di sale, in quanto danno alle pietanze sapore, oltre ad un tocco di sfiziosa originalità.

R/8/2707 Rosa " Abbe Lemire "

Rosa dell’Orto di Claire

Vi segnalo alcuni suggerimenti perché ci sono anche fiori che, nonostante la loro bellezza, possono essere mortali (come per i funghi, vale lo stesso principio: mangia ciò che conosci e di cui sei assolutamente certo):

  • mangiare fiori che si conoscono, nel caso di dubbio consultare i libri;
  • mangiare fiori che possibilmente si riescono a coltivare;
  • non mangiare fiori presi da fioristi in quanto possono essere trattati con sostanze chimiche;
  • evitare di utilizzare fiori raccolti per strada o nei giardini pubblici (o quantomeno in strade trafficate);
  • mangiare solo i petali e rimuovere gambi e pistilli;
  • non utilizzare nel proprio giardino e sui fiori che si desidera mangiare sostanze chimiche;
  • se si soffre di allergie utilizzarli in piccole dosi ed inserirli nei piatti un pò alla volta

I fiori che possono entrare nella nostra alimentazione sono quelli degli ortaggi, degli alberi da frutto, delle erbe aromatiche e del nostro giardino.

Tutti conosciamo i fiori degli ortaggi: fiori di zucca e delle zucchine, dei broccoli, delle cime di rapa, dei carciofi. Meglio non adoperare i fiori delle solanacee, che possono provocare disturbi alla salute, in particolare se vengono utilizzati in dosi massicce, quindi no ai fiori di: peperoni, pomodori, melanzane e patate.

I fiori degli alberi da frutto possono diventare un’ottima base per le nostre pietanze: porte aperte quindi ai fiori di melo, arancio, ciliegio, limone.

I fiori delle erbe aromatiche sono ottimi per insaporire le nostre pietanze: basilico, origano, timo, salvia, rosmarino, menta, lavanda, aneto, coriandolo, melissa, camomilla. Le piante aromatiche fanno anche molto bene alla salute (vedere il mio articolo parte I e parte II sulle aromatiche https://lortodiclaire.wordpress.com/category/piante-aromatiche/ ).

IMG_6465

Lavanda dell’Orto di Claire

IMG_6461

Fiore di Borragine dell’Orto di Claire

I fiori del nostro giardino o del nostro terrazzo, come ad esempio, la rosa, il garofano, il nasturzio, il crisantemo, il lillà, la dalia, il geranio, la begonia, la margherita, sono tutti adatti all’alimentazione umana; se poi facciamo qualche passeggiata in mezzo ai campi o lungo gli argini, possiamo trovare la malva, la primula, la calendula, la borragine, la pratolina, altresì nota come margheritina dei prati, il tarassaco, i fiori di sambuco, o quelli dell’acacia.

IMG_6722

Fiore di Nasturzio dell’Orto di Claire

IMG_6776

Pratoline dell’Orto di Claire

I fiori possono quindi tranquillamente far parte della nostra cucina, non solo come decorazioni, ma proprio come elemento principe dei nostri piatti; prima di utilizzarli è buona regola sciacquarli molto delicatamente sotto l’acqua per eliminare la presenza di qualche possibile insetto e della polvere, visto che diamo per scontato che non siano state utilizzate sostanze nocive per la salute.

Dopo la pulizia basta lasciarli asciugare sopra un panno pulito e spazio alla vostra fantasia!

fiori-commestibili-

Foto di benessere.atuttonet.it

Ottobre: manifestazioni ed eventi

Vi segnalo alcune manifestazioni nel mese di Ottobre:

MADE EXPO
Descrizione: il Salone dedicato all’architettura, al design e all’edilizia ha un settore green; l’ingresso è però riservato agli operatori.

Quando: 2-3-4-5 ottobre 2013
Dove: Milano – Quartiere Rho-Fiera, Strada Statale del Sempione 28

Ulteriori info: www.madeexpo.it

AUTUNNO ALLA LANDRIANA
Descrizione: mostra mercato di giardinaggio
Dove: Tor San Lorenzo – Ardea (Rm) – Giardini della Landriana – Via Campo di Carne, 51
Quando: 4-5-6 ottobre 2013

Ulteriori info: www.aldobrandini.it

ORTICOLARIO
Descrizione: prestigiosa mostra mercato di piante rare per appassionati di giardinaggio.
Dove: Cernobbio (CO), Villa Erba – Largo Luchino Visconti 4
Quando: 4-5-6 ottobre 2013

Ulteriori info: www.orticolario.it

MOSTRA FIORI NEL TEMPO: ikebana e decorazione floreale
Descrizione: organizzata dal Garden Club Milano con Ikebana Ohara Chapter Milano e Scuola Italiana Arte Floreale Camilla Malvasia: il tema della mostra è l’incontro tra oriente ed Occidente negli stili floreali.
Dove: Milano – Galleria Bolzani, via Morone 2
Quando: 4 (inaugurazione) 5-6 ottobre 2013 – Dalle 11.00 alle 19.00.

Ulteriori info: www.gardenclubmilano.it

FIERA DELLA ZUCCA
Descrizione: oltre 450 qualità di zucca in mostra, gara di torte, intagliatori di zucche e concorsi alla scoperta della regina dell’orto di ottobre.
Dove: Piozzo (CN) – vie del paese
Quando: 4-5-6 ottobre 2013

Ulteriori info: www.fieradellazucca.it

MOSTRA BONSAI D’AUTUNNO
Descrizione: sesta edizione della mostra bonsai e suiseki con la partecipazione delle Scuole bonsai italiane riconosciute dall’UBI. Workshop, conferenze e mercatino.
Quando: 4-5-6 ottobre 2013
Dove: Roma – Città dei Ragazzi, Largo Città dei Ragazzi in Via della Pisana a 2 Km all’esterno del GRA
Ulteriori info: www.romabonsai.org

MOSTRA-MERCATO DI FIORI E PIANTE ORNAMENTALI
Descrizione: oltre ai fiori, si troveranno anche prodotti come miele locale e vasi in terracotta realizzati nella provincia.
Quando: 4-5-6 ottobre 2013
Dove: Pesaro – centro, Piazza del Popolo

Ulteriori info: www.turismo.pesarourbino.it

FRUTTI ANTICHI DI PADERNA
Descrizione: rassegna di piante fiori e frutti dimenticati del FAI
Dove: Paderna di Pontenure (PC) – nel parco, nei cortili e portici del castello del Castello di Paderna
Quando: 5-6 ottobre 2013
Ulteriori info: www.fruttiantichi.net

MOSTRA AUTUNNALE DI PIANTE E FIORI
Descrizione: esposizione del meglio della floricoltura di stagione: location particolarmente suggestiva.
Dove: Firenze – Giardino dell’Orticoltura, Via Vittorio Emanuele II, 4
Quando: 5-6 ottobre 2013

Ulteriori info: www.societatoscanaorticultura.it

PORTE APERTE: GIORNI DI ROSE D’AUTUNNO
Descrizione: il vivaio apre le sue porte ai visitatori per le ultime fioriture e le atmosfere suggestive create da foglie colorate e bacche.
Dove: Cervarese S. Croce (PD) – Az.Agric. La Campanella, via Campanella 3
Quando: 5-6 ottobre 2013
Ulteriori info: http://vivaiolacampanella.com

MOSTRA DELLE VIOLE
Descrizione: all’interno del grande garden, in mostra e vendita più di 100 varietà di viole .
Dove: in tutti i punti vendita della catena Viridea
Quando: 5-6 ottobre 2013

Ulteriori info: www.viridea.it

International Tulip Guerrilla Gardening Day 2012
Descrizione: i Giardinieri Sovversivi Romani invitano a piantare bulbi di tulipani tutti insieme.
Dove: Roma – Corviale, Viale Poggio Verde (sotto ponte pedonale a metà del Serpentone)
Quando: 7 ottobre 2012 (ore 15.00)

Ulteriori info: La pagina Facebook del Tulip Guerrilla Gardening Day

FRUTTI&COLORI D’AUTUNNO
Descrizione: la Fondazione Minoprio, scuola di giardinaggio, apre al pubblico il suo parco, con mostre, iniziative e laboratori didattici
Dove: Vertemate con Minoprio (CO), Fondazione Minoprio – Viale Raimondi, 54
Quando: tutte le domeniche dal 6 al 27 ottobre 2013

Ulteriori info: www.fondazioneminoprio.it

SUN
Descrizione: salone dedicato alla vita all’aria aperta, progettazione, arredamento e accessori, più 3 giorni di workshop internazionali sul paesaggio. Ingresso riservato agli operatori.
Dove: Rimini, Fiera
Quando: 6-7-8 ottobre 2013

Ulteriori info: www.sungiosun.it

HARBOREA
Descrizione: festa delle piante e dei giardini d’Oltremare. Mostra-mercato di piante, erbe, fiori, piante esotiche, ortaggi, spezie e sementi
Dove: Livorno, parco ottocentesco di Villa Mimbelli
Quando: 11-12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.harborea.com

FESTA “PIC” DEL PEPERONCINO
Descrizione: oltre 80 espositori tra produttori e artigiani che metteranno in mostra e vendita qualsiasi oggetto, alimento, bevanda, pianta in omaggio al peperoncino
Dove: Camaiore (LU), vie del centro città
Quando: 12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.comune.camaiore.lu.it

VIVAI FRATELLI LEONELLI – OPEN DAY
Descrizione: il vivaio apre le sue porte  mettendo in mostra le fioriture tipiche dell’autunno.
Dove: Castelletto Sopra Ticino (Novara) – via Valloni 59
Quando: 12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.fratellileonelli.it

VIVAI PRIOLA – PORTE APERTE
Descrizione: porte aperte del Vivaio di Pier Luigi e Gabriella Priola specializzato in piante perenni.
Dove: Treviso, presso il Vivaio in via delle Acquette 4
Quando: 12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.vivaipriola.it

POMARIA
Descrizione: in occasione della grande festa della mela della Val di Non, le vie del centro del borgo di Casez saranno animate da rappresentazioni di antichi mestieri, musiche, mercatini, mostra di mele e  degustazioni.
Dove: Casez (TN)
Quando: 12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.pomaria.it

ORCHIDANDO OPEN WEEKEND
Descrizione: porte aperte del vivaio di orchidee di Giulio Farinelli
Dove: Roccastrada (GR)
Quando: 12-13 ottobre 2013

Ulteriori info: www.orchidandoshop.it

NEL SEGNO DEL GIGLIO
Descrizione: nel Parco della Reggia di Colorno la manifestazione autunnale.
Dove: Colorno (PR) – Palazzo Ducale
Quando: ottobre 2014

Ulteriori info: www.artourparma.it

AUTUNNO AL CASTELLO
Descrizione: gli appassionati di giardinaggio potranno assistere alla piantumazione di 75mila bulbi di tulipani e narcisi e seguire lezioni teoriche e pratiche.
Dove: Torino – Castello di Pralormo
Quando: 14 ottobre 2012

Ulteriori info: www.castellodipralormo.com

ARBOR DAY
Descrizione: una festa degli alberi per sensibilizzare i cittadini sul tema del verde in città organizzata dalla Società Italiana di Arboricoltura (SIA): dimostrazioni di treeclimbing, workshop e convegni
Dove: Roma – Parco di Villa Borghese
Quando: ottobre 2014

Ulteriori info: www.isaitalia.org

DUE GIORNI PER L’AUTUNNO
Descrizione: la manifestazione mette in mostra il meglio del mondo vegetale della stagione.
Dove: Caravino (TO) – Castello di Masino
Quando: 18-19-20 ottobre 2013

Ulteriori info: www.fondoambiente.it

IN AUTUNNO: FRUTTI, ACQUE E CASTELLI
Descrizione: versione autunnale della primaverile “Fiori, acque e castelli”
Dove: Cervignano del Friuli (UD) – Castelli di Strassoldo, via dei Castelli 21
Quando: 19-20 ottobre 2013

Ulteriori info: www.castellodistrassoldo.it

MOSTRA E CONVEGNO SUI FUNGHI
Descrizione: 15esima edizione della Mostra micologica. Sabato 19 ottobre convegno sui metodi di classificazione delle nuove specie fungine, convegno sui funghi che hanno segnato la storia e sui rischi ecologici di una terra senza funghi. Il sabato sera cena con menu a base di funghi e domenica sarà aperta al pubblico la mostra micologica.
Dove: Pescia (PT) – Istituto Tecnico Agrario Statale D.Anzilotti, Viale Ricciano, 5
Quando: 19-20 ottobre 2013

Ulteriori info:  www.agrariopescia.it

I BULBI DI EVELINA PISANI
Descrizione: mostra con lezioni e dimostrazioni pratiche e convegno sui bulbi da fiore che si piantano in autunno in una cornice d’eccezione.
Dove: Vescovana (PD) – Villa Pisani Bolognesi Scalabrin, Via Roma 25
Quando: 26-27 ottobre 2013

Ulteriori info: Pagina Facebook dell’evento

LA ZAGARA
Descrizione: edizione autunnale della mostra-mercato primaverile con esposizione delle piante intorno al bellissimo Aquarium.
Dove: Palermo – Orto botanico, via Lincoln 2
Quando: 27-28-29 ottobre 2013

Ulteriori info: www.ortobotanico.unipa.it

Buona visita!

Confettura di susine

In giardino tra i vari alberi da frutta che ho piantato, ce n’è uno di susine.

E’ lì, solitario, in tutta la sua piccola bellezza visto che cresce lentamente, pronto però a regalarci frutti dall’intenso colore rosso e dal sapore squisitamente dolce.

Il nostro albero è un Blue Free, peraltro molto produttivo. Il suo frutto è  medio-grosso, la  buccia di colore violaceo scuro, la polpa giallo-verdastra, molto consistente, zuccherina e di buon sapore.  Maturazione: fine agosto.

20130904_080759

Di solito i bambini prendono i frutti direttamente dall’albero e li mangiano immediatamente senza nemmeno passarli sotto l’acqua; glielo permetto perché so che nulla di chimico è stato spruzzato e quindi, come dire, basta una “spolveratina” e la susina può finire nelle loro bocche golose.

Oltre a nutrire i piccoli pargoli solitamente preparo anche la confettura, quella notoriamente conosciuta come la “Confettura dell’Orto di Claire”.

Non utilizzo pectina e metto anche pochissimo zucchero (ammetto anche che a volte,  la faccio un po’ ad occhio, o ad “ ociometro” come diciamo noi qui in Veneto): cercherò quindi di scrivere la ricetta utilizzando un modo più culinariamente consono.

Ingredienti:

1 kg. di prugne

300/350 gr di zucchero di canna

Scorzette di limone biologico q.b.

Procedimento:

Lavare bene le susine, tagliarle a metà togliere l’osso e metterle in una casseruola ricoprendole con lo zucchero. Avere l’accortezza di eliminare la frutta guasta, il rischio è di rovinare tutto.

20130904_092739

Accendere il fuoco che solitamente io tengo vivace per la prima mezzora e successivamente abbasso; aggiungere le scorzette di limone bio e coprire la pentola con il coperchio. La cottura è abbastanza  lunga perché la frutta deve sciogliersi e diventare cremosa.

Mescolare ogni tanto.

20130904_111725

Nel frattempo mettere i vasetti in forno per circa una mezz’oretta a 200 gradi per sterilizzarli e riporre in congelatore un piattino da caffè.

Verso  fine cottura fare la prova del piattino.  Prenderlo dal congelatore, versare sopra un cucchiaino di confettura: questo permette di capire quanto tempo ancora deve cucinare perché a seconda di come scivola si può decidere se rimetterla sul fuoco per averla più densa oppure no, dipende dai gusti.

Appena la confettura è pronta metterla immediatamente bollente nei barattoli, tapparli, rovesciarli su un tagliere di legno e coprirli con un canovaccio pulito.

Una volta tappati il calore residuo del composto si occuperà di sterilizzarli.

20130904_081208

Di solito a casa mia la gustiamo durante la prima colazione o alla sera con i biscotti alla lavanda (vi darò la ricetta e foto appena li preparo) e l’insieme, biscotti e confettura di susine, ne fa anche un originale dolcetto informale per concludere una piacevole serata tra cari amici.

Buon Appetito!

Insalata di margheritine

Avete presente le margheritine che spuntano nei prati, altresì chiamate anche pratoline o nel linguaggio botanico Bellis Perennis?

Ottimo perchè con queste margheritine vi propongo una buona e bella insalatina.

Curiosità: gli inglesi, sempre raffinati in fatto di piante, le chiamano daisy, che dovrebbe derivare da day’s eye, occhio del giorno, visto il loro riaprirsi ogni giorno al sorgere del sole.

Nel linguaggio dei fiori la margherita ha diversi significati, tutti comunque positivi e collegati al concetto di amore e verità.

Chi da ragazzina non ha mai fatto il gioco del “M’ama o non m’ama?” per scoprire se il segreto amore ricambiasse il nostro stesso sentimento? L’ultimo petalo rimasto era poi quello della verità e quello decisivo a chiudere la questione. Sembra che in epoca vittoriana una cameriera con il cuore spezzato, avesse dato il via a questo “gioco”, staccando i petali del fiore e ripetendo la frase celebre.

Possiamo allora dire che offriremo ai nostri amici un’insalatina dell’amore, della verità, pura, innocente, semplice, modesta, ma anche fedele e paziente. Può un’insalata essere tutto questo? Bé se mangiandola ci evoca questi sentimenti, allora direi proprio di si.

Il significato della margherita simboleggia l’innocenza giovanile, libera dai sensi di colpa, dal peccato e dalla corruzione.

Differente significato le si attribuisce se si riceve o si dona il fiore: nel caso in cui si riceva in pubblico il significato è la custodia di un segreto che va nascosto a tutti, nel caso in cui si doni in privato, significa promessa d’amore.

IMG_6776

Margheritine dell’orto di Claire

Le margheritine appartengono alla famiglia delle Asteraceae. (come lattuga, tarassaco, radicchio, cardo, girasole, camomilla, calendula, arnica…)

Quando le raccogliete, accertatevi di farlo in un luogo non troppo frequentato da automobili e prendete solo quelle che vi sembrano più fresche e piccoline.

In questa ricetta io utilizzo la mela Annurca, la regina delle mele. E’ una specie molto antica: sono stati trovati cenni storici di questa frutto durante gli scavi di Pompei ed Ercolano.

annurca

Mela Annurca

La Mela Annurca, è un prodotto ortofrutticolo a Indicazione Geografica Protetta, tipico delle terre campane. Si presenta di colore rosso uniforme, è l’unica mela con origini meridionali. Di dimensioni ridotte rispetto alle altre tipologie, l’Annurca è celebre per la sua polpa croccante e soda, molto succosa, dal sapore piacevolmente acidulo ed aromatico e molto profumata.

Raccolta ancora acerba durante il mese di ottobre, viene tenuta nei melai per circa due mesi, quindi all’incirca verso la metà di dicembre sarà di un colore rosso vivo e sarà pronta per il consumo, potrà essere conservata sino all’estate dell’anno seguente giusta per quando troveremo le nostre prime pratoline in primavera e vorremo preparare questa ricetta.

Ingredienti:

100 gr di lattughino

100 gr di valeriana

100 gr di cicoria

una manciata di margheritine

Olio, sale, pepe, lmone

Erba cipollina

Formaggio Leerdammer

1 mela annurca

Preparazione:

Lavate e asciugate bene tutta la verdura a cui aggiungerete le margheritine senza il gambo, precedentemente lavate ed asciugate in un canovaccio pulito; mettete il tutto in una insalatiera insieme al formaggio tagliato a quadratini. Aggiungete la mela Annurca tagliata molto sottile e bagnata appena con limone perché non annerisca. (la mela mettetela proprio all’ultimo).

Condimento:

Tritate finemente un ciuffetto di erba cipollina.

Per condire preparate a parte un’emulsione con olio extravergine d’oliva, limone, sale e pepe a cui aggiungerete l’erba cipollina.

Versate il tutto nell’insalatina.

Per concludere vi saluto oggi con questa dolce poesia:

MARGHERITA (Nelida Ukmar)

Un petalo d’umiltà
tra i prati odorosi,
un soffio di vento
piega delicatamente
il tuo esile stelo

L’aprirsi raro
della tua corolla
richiama insetti vivaci
che attingono al tuo nettare
con tocco sapiente

Un attimo solo basta
a renderti fiera
del tuo semplice odore
hai compiuto il miracolo
hai donato amore.

Buon Appetito!!!

Zucchine profumate al basilico

Ecco una ricettina veloce dove re e regine di questo piatto sono il basilico e le zucchine.

Il basilico, Ocinum basilicum, è una pianta originaria dell’Asia tropicale. Coltivata inizialmente in Iran giunse, attraverso il Medio Oriente, in Europa al tempo di Alessandro Magno, in Italia e nel sud della Francia. Nel XVII secolo iniziò ad essere coltivato anche in Inghilterra e, con le prime spedizioni migratorie, nelle Americhe.

Il nome deriva dal latino medievale basilicum che a sua volta ha origine dal greco antico basilikon che significa pianta da re. Sembra che i nobili utilizzassero il basilico per produrre profumi ed unguenti pregiati e da qui l’origine del suo nome. Secondo una leggenda il basilico era l’antidoto contro il veleno del basilisco: mostro a forma di serpente della mitologia greca.

Il basilico era conosciuto fin dall’antichità oltre che per il suo aroma anche per le sue proprietà medicinali, tanto che Plinio il Vecchio lo cita nei suoi testi come pianta dalle capacità afrodisiache.

Ho trovato un simpatico sonetto in romanesco di Aldo Fabrizi sul basilico che sintetizza, molto bene,  le sue qualità:

A parte che er basilico c’incanta

perché profuma mejo de le rose,

cià certe doti medicamentose

che in tanti mali so’ ‘na mano santa.

Abbasta ‘na tisana de ‘sta pianta

che mar de testa,coliche ventose,

gastriti, digestioni faticose

e malattie de petto le strapianta.

Pe’ via de ‘sti miracoli che ho detto,

io ciò ‘na farmacia sur terrazzioni,

aperta giorno e notte in un vasetto.

Dentro c’è ‘no speziale sempre all’opera,

che nun pretenne modulo e bollino

e nun c’è mai pericolo che sciopera.

IMG_6781

Ocinum Basilicum del’orto di Claire

Molto divertente anche questa nota cinquecentesca di Giovanvettorio Soderini, tratta dal volume Della Cultura degli orti e giardini: “Non vuole il bassilico esser tocco con ferro, e strappato con le mani rinasce felicemente … vuole essere adacquato con acqua calda, o sivvero all’ora di mezzogiorno, che abbatte tutte le altre erbe per il secco … ha di proprio il bassilico rompere il vento, mollificare lo stomaco, provocar l’orina, e fare alle donne venir copioso latte”.

IMG_6786

Zucchine dell’orto di Claire

Ingredienti:

4 zucchine

2 spicchi d’aglio

4 cucchiai di olio d’oliva extravergine

sale qb

una manciata di pinoli

4 cucchiai di basilico tritato al mortaio

1 ciuffetto di basilico per decorare

Preparazione:

Lavate le zucchine e con una mandolina o con il pelapatate  tagliate le zucchine in senso verticale in fettine molto sottili. In una padella antiaderente scaldate l’olio con gli spicchi di aglio vestiti e schiacciati andandoli ad eliminare quando saranno dorati.

Mettete nella padella le zucchine e cuocete per circa 5 minuti a fuoco vivace aggiungendo quasi alla fine il sale.

A parte fate tostare una manciata di scaglie di pinoli.

Ritirate dal fuoco e aggiungete il basilico e i pinoli tostati.

Attenzione: se non avete in casa un mortaio, potete utilizzare il frullatore ma con le lame di plastica e facendolo andare a ritmo alternato per qualche secondo. Cercate , se possibile di non utilizzare lame di ferro, perché ossidano le foglie.

Buon Apetito!!

Agosto: manifestazioni ed eventi Italia ed estero

Vi segnalo alcune manifestazioni:

SAGRA DEL PEPERONE

I peperoni di Carmagnola sono famosi in tutta Italia e vengono celebrati con dieci giorni di festa.

Dove: Carmagnola (TO)

Quando: 30 agosto – 8 settembre 2013

Info: www.comune.carmagnola.to.it

TRA POMI E FIORI

Vivaisti con piante ornamentali, orticole, fruttifere e acquatiche insieme ad artigiani e produttori di specialità enogastronomiche animeranno le vie del paese e le sue piazze.

Dove: Calvi dell’Umbria (Terni) – centro cittadino

Quando: 31 agosto – 1 settembre 2013

Ulteriori info: www.comunecalvidellumbria.tr.it

POMI & GALLINE

Festa-mercato della vita in campagna e del mangiare sano. Saranno presenti espositori con allevamenti di animali, di piante da produzione ed ornamentali, di attrezzature da giardino e per la piccola agricoltura, artigianato e accessori a tema.

Dove: Porano (ORVIETO) – Villa Paolina

Quando: 31 agosto – 1-2 settembre 2012

Ulteriori info: www.pomiegalline.it

Se poi desiderate una mini vacanza potete fare la valigia per:

FLORALL

Mostra nazionale di florovivaismo. Edizione autunnale

BELGIO, Ghent (Gand), Flanders Expo, Maaltekouter 1

Quando: 20-21 Agosto

ORARI DI APERTURA: martedì 13:00-20:00; mercoledì 9:00-18:00.

Ingresso libero. INFO: tel. +32 478 221086 – fax +32 9 2415095,

www.florall.be – info@florall.be

PLANTARIUM

31º Salone internazionale di vivaismo

OLANDA, Hazerswoude-Dorp/Boskoop,

International Trade Centre, Plantariumgebouw, Italiëlaan 4.

Quando: 21-24 Agosto

INFO: Buro Proba, tel. (+31)172 235400, fax (+31)172 235450,

www.plantarium.nl – info@plantarium.nl

GREEN IS LIFE

21º Salone internazionale di vivaismo

POLONIA, Varsavia, Centrum Expo XXI, ul. Pradzynskiego 12/14 Str.

Quando:  30 Agosto-1 Settembre

INFO: tel. e fax +48 22 4354720,

www.greenislife.pl – milek.boguszewicz@zszp.pl

Buon viaggio e buona visita!