I germogli: uno scrigno di salute a centimetro zero!

Con il termine germogli si intendono i cereali, i legumi, le piante e i semi oleaginosi che hanno subito il processo di germinazione. Facili da preparare, economici,  gustosi, presentano un contenuto di principi attivi superiore a quello delle piante adulte. 

La germinazione avviene quando ci sono condizioni che sono favorevoli per il seme, come ad esempio una giusta umidità e temperature adeguate.

I germogli  possono essere annoverati, a ragion veduta, tra gli alimenti che aiutano l’uomo a restare in buona salute.

Utilizzati e apprezzati per secoli da molte popolazioni asiatiche per le loro numerose proprietà benefiche e curative, al giorno d’oggi possono essere tranquillamente coltivati senza terra in completa idroponia. Questa condizione di crescita li rende particolarmente adatti anche per chi vive in città e non ha a disposizione giardino o terrazzo.

Questi piccoli scrigni di energia, sono ricchi di enzimi, sali minerali, vitamine e proteine.

+Quattro semi diversi quadrati close-up

Ma come fa il seme a diventare pianta?

Le cose fondamentali per la vita, anche delle piante, sono sicuramente l’ossigeno e l’acqua: non appena il seme viene a contatto con umidità o acqua si rivitalizza e, inizia il processo di germogliazione.

I semi vanno quindi lasciati per una notte in ammollo nell’acqua: questa condizione di assorbimento servirà per farli crescere senza traumi.

Non appena avranno  al loro interno la giusta quantità di acqua, si attiveranno i processi secondari: amidi e lipidi contenuti nel seme saranno demoliti dagli enzimi attivati dall’acqua e verranno   trasformati in zuccheri semplici, acidi, grassi ed altre sostanze indispensabili per la crescita della pianta.

I germogli sono facili da digerire e ricchi di aminoacidi essenziali, utili per il corretto funzionamento delle attività biologiche del corpo.

Le vitamine contenute nel germoglio sono decisamente superiori a quelle contenute nel seme e possono essere assimilate dall’organismo in modo facile e veloce.

Non appena il germoglio inizia a produrre le foglioline e le piccole radici è pronto per essere consumato; ha ottime proprietà purificatrici per il corpo umano.

GeoPlus Fronte co germogli 2013-03

In particolare, i germogli sono efficaci in caso di:

–  difficoltà digestive e gonfiore addominale (da evitare in presenza di colite);

– tendenza alla ritenzione;

–  rallentamento metabolico per esempio durante i cambi di stagione;

–  organismo appesantito da un surplus di tossine (per esempio subito dopo un lungo inverno).

Possiamo dire che i germogli sono alimenti a centimetro zero perché passano, in un attimo, dalla germogliatrice all’ insalatiera, pronti per essere consumati in totale sicurezza.

Possono essere mangiati crudi o appena scottati (ricordiamo però che scottati perderanno parte delle loro vitamine); si possono unire ad altre verdure, allo yogurt, a minestre di verdura o agli stufati poco prima di essere serviti, oppure da soli conditi con un po’ di olio EVO, sale e limone.

Ogni tipo di germoglio ha differenti qualità e pregi, per cui è consigliabile variare la dieta assimilandone i diversi tipi per avere, così,  una gamma completa di sostanze indispensabili per restare in buona salute.

E’ possibile far germogliare quasi tutti i tipi di semi, i più indicati restano comunque frumento, soia verde, miglio, fagioli, ceci, avena, girasole, broccoli, ravanelli, senape, crescione, rucola, lino…; evitare assolutamente le solanacee (patate pomodori etc..) perché contengono sostanze tossiche.

Adzuki Red Alfa-Alfa

Ricordate che è sempre preferibile utilizzare semi di provenienza biologica in quanto sono ottenuti senza l’utilizzo di sostanze chimiche e pesticidi o comunque di aziende certificate che garantiscano il processo di lavorazione e confezionamento del seme.

Annunci

14 pensieri su “I germogli: uno scrigno di salute a centimetro zero!

    • Bonjour!! sono stata incasinata…tra lavoro e nuovo progetto (ti racconterò presto!!!!) e bambini….sono stata fagocitata in un altro mondo….ma eccomi qui pronta più che mai! anche tu mi sei mancata e soprattutto devo capire perchè non ho visto i tuoi ultimi post…Più tardi faccio un giretto da te a vedere che mi sono persa. Un bacio

  1. Ben tornata Clarie,
    Tra i semi da far germoliare consiglio caldamente le semplici e domestiche lenticchie, germogliano bene e sono dolcissime, molto più appetibili della soia e degli azuki (almeno secondo me) attenzione a non utilizzare quelle arancio perchè solitamente sono decorticate e con la cuticola spesso viene tolto anche il germoglio, per cui non spuntano.

    • Ti ringrazio Vera! per il bentornata e soprattutto per il prezioso consiglio! Farò di sicuro una prova. Intanto a febbraio sarò al Biofach, che è la fiera del bio più importante d’Europa…spero di trovare novità e di raccontarvele, anche in campo germogli! Un caro saluto

  2. ho trovato questo blog per caso …è bellissimo!!!!!! Condivido molte delle tue passioni,anche io ho un orto ,vivo in campagna e sono appassionata di erbe spontanee che conosco grazie a mia nonna .Ti seguirò!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...